DETRAZIONI FISCALI 2020, CALDAIE E CONDIZIONATORI COME FARLE

detrazione fiscale sui climatizzatori E CALDAIE del 50% e del 65% ANNO 2020

SCARICA LA GUIDA COMPLETA  SULLA DETRAZIONE FISCALE PER LE RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E DEL RISPARMIO ENERGETICO DELL'AGENZIA DELL'ENTRATE DEL 2020

Quali sono le detrazioni fiscali per l’acquisto di condizionatori e caldaie  introdotte dalla Legge di Stabilità 2020? A chi si rivolgono? E quali sono i requisiti richiesti per poterne usufruire? 

Prima di tutto, bisogna fare una premessa, le agevolazioni riconosciute per i condizionatori e le caldaie sono indirizzate alla totalità di contribuenti, senza quindi limiti reddituali o privilegi particolari.Esse vengono riconosciute come sconto sottoforma di bonus nelle dichiarazioni dei redditi dei 10 anni successivi all'intervento realizzato.  Gli unici paletti imposti dalla legge sono di tipo quantitativo (la spesa cioè viene coperta solo entro determinate somme) e qualitativi ovvero le detrazioni sono ammesse esclusivamente per l’acquisto di condizionatori e caldaie aventi specifiche caratteristiche

 

Il bonus condizionatori 2020 o detrazione fiscale sui climatizzatori è un’agevolazione riconosciuta ai contribuenti a prescindere dal fatto che questi siano intenzionati o meno ad eseguire dei lavori di ristrutturazione all’interno di un edificio. Per godere di questo sconto sulle imposte, infatti, è necessario l’acquisto un condizionatore ad aria provvisto di pompa di calore. L’impianto installato, dunque, dovrà essere in grado di fornire aria fredda nei periodi caldi e, viceversa, aria calda nei periodi freddi. La detrazione spetta o al 50% come ristrutturazione edilizia o al 65% come risparmio energetico a seconda delle modalità di installazione a condizione che venga inviata la dichiarazione enea online.

 

Il bonus caldaie 2020, è anch'essa un'agevolazione riconosciuta ai contribuenti a prescindere dal fatto che questi siano intenzionati o meno ad eseguire lavori di ristrutturazione all'interno di un edificio. Per godere di questo sconto sulle imposte, infatti, è necessario l'acquisto e installazione di una caldaia con efficienza energetica non più bassa della classe A per quanto riguarda la detrazione del 50% ,mentre per la detrazione del 65% deve essere almeno in classe A+ e quindi in abbinamento ad un termostato evoluto.

 

L’obiettivo di questa manovra, nello specifico, è quello di spingere i contribuenti a sostituire le vecchie installazioni con nuovi condizionatori e caldaie che abbiano un basso impatto ambientale. L’allacciamento di un impianto che presenta queste caratteristiche permetterà di usufruire del bonus condizionatori 2020 o del bonus caldaie 2020 recuperando, di conseguenza, i soldi spesi attraverso gli sconti Irpef e Ires riconosciuti dalla Legge di Stabilità     2020.

 

SCONTO IN FATTURA, CESSIONE DEL CREDITO E NOVITA' LEGGE DI BILANCIO 2020 

Fortemente contestato dalle associazioni di categoria lo sconto in fattura (applicato da luglio 2019), è stato eliminato : con l'abrogazione dei commi 2, 3 e 3-ter, dell'art. 10 del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34 (c.d. Decreto Crescita), viene, dunque, eliminata la possibilità di convertire la detrazione fiscale prevista per gli interventi di efficienza energetica (c.d.Ecobonus) e riduzione del rischio sismico (c.d.Sismabonus) in sconto di pari importo che l'impresa dovrà applicare in fattura.

 

Pur essendo stata abrogata la possibilità di optare per lo sconto in fattura a tutte le altre fattispecie (sisma bonus ed dcobonus per interventi sulle singole unità immobiliari), resta sempre in vigore la possibilità di optare per la cessione del credito per la quale l'Agenzia delle Entrate ha predisposto apposita piattaforma.

La cessione del credito viene effettuata solo con il parere favorevole dell'azienda solo per gli interventi di riqualificazione energetica e va sempre prodotta la pratica enea.

 

Comunicazione Agenzia delle Entrate :

In base a quanto previsto dalla legge di bilancio 2020, si rende noto che per le spese sostenute dall'anno 2020 per interventi:

- di riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico (artt. 14 e 16 del decreto-legge n. 63 del 2013), effettuati sulle singole unità immobiliari, non è più possibile optare per la detrazione sotto forma di sconto praticato dal fornitore; 

- relativi alla realizzazione di opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici, con particolare riguardo all'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti rinnovabili di energia (es. impianti fotovoltaici), di cui all’articolo 16-bis, comma 1, lettera h, del d.P.R. n. 917 del 1986 (TUIR), non è più possibile optare per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per i medesimi interventi.

Pertanto, la procedura telematica disponibile nell’area riservata Entratel/Fisconline non consentirà di esercitare le suddette opzioni e le relative comunicazioni non saranno accettate.

pratica e comunicazione enea al miglior costo in promozione

detrazione fiscale caldaie e CONDIZIONATORI come si fa?

 

Come funziona  nello specifico il bonus condizionatori 2020?

 

Il bonus condizionatori viene concesso per la sostituzione o l'installazione di climatizzatori dotati di tecnologia ad inverter e di pompa di calore aventi la classe energetica almeno A+ .

Viene riconosciuto al 50% e passa come detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie se oltre al climatizzatore o l'impianto di climatizzazione è presente un impianto di riscaldamento autonomo o centralizzato e quindi viene utilizzato ad integrazione. Per avere il Bonus Condizionatori non è necessario eseguire lavori di ristrutturazione edilizia ed effettuare comunicazioni particolari ad Asl, enti o comuni. In questo caso il contribuente può utilizzare anche il bonus mobili per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici dell'alloggio dove viene installato l'impianto di condizionamento. 

Viene invece riconosciuto al 65% se il climatizzatore o l'impianto di aria condizionata viene utilizzato come riscaldamento primario, tra i requisiti vi è la sostituzione con altro generatore di calore e l'alta efficienza energetica del nuovo climatizzatore in pompa di calore installato nonchè la conservazione  del  certificato di smaltimento.

In questo caso visto che si tratta di detrazione risparmio energetico il bonus mobili non viene riconosciuto. 

      L' enea ha rilasciato il vademecum per la detrazione fiscale per il risparmio energetico per i condizionatori e le pompe di calore che è possibile scaricare qui sotto. 

GUIDA COMPLETA ENEA DETRAZIONE FISCALE DEL 65% PER I CLIMATIZZATORI 2020

Come funziona nello specifico il bonus caldaie 2020?

 

Il bonus caldaie viene concesso per la sola sostituzione di una caldaia che abbia almeno efficienza energetica pari alla classe A come le caldaie a condensazione.

Viene riconosciuto nella misura del 50% e passa come detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie se non abbinati a sistemi di termoregolazione. Per usufruire della detrazione non è necessario effettuare lavori murari o ristrutturazioni, ma l'intervento è ammesso alla detrazione del 50% essendo inserito nelle manutenzioni straordinarie elencate nella guida dell'agenzia dell'entrate scaricabile qui sopra. A questa soluzione può essere aggiunto anche il bonus mobili 2020 che permette di acquistare mobili ed elettrodomestici fino ad un importo massimo di 10000 euro.

Viene invece riconosciuto al 65% se la caldaia o il generatore di calore sia almeno in classe energetica A+. La quasi totalità delle caldaie a condensazione raggiunge la classe A+ solo ed esclusivamente abbinate a un sistema di termoregolazione evoluto. Un sistema che quindi riesca ad apportare un risparmio energetico superiore rispetto a una caldaia a condensazione sola. La detrazione del 65% prevista nel cosiddetto ecobonus 2020 e quella del 50%  richiedono una registrazione sul portale dell’ enea . Quest'ultimo particolare serve a verificare che l'intervento richiesto soddisfi appieno tutti i requisiti richiesti. I pagamenti devono essere eseguiti solo ed esclusivamente mediante bonifico bancario. 

Per la pratica Enea è necessario trasmettere per via telematica la "Scheda descrittiva dell'intervento" relativa all'anno in cui sono terminati i lavori. Per il 2020 l'indirizzo web a cui inviare il modulo è:  https://detrazionifiscali.enea.it Questo deve essere inviato entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori. Per gli interventi la cui data di fine lavori è compresa tra il 01 gennaio 2020 e il 25 marzo 2020, il termine dei 90 giorni decorre dal 25 marzo 2020.

C'è poi una documentazione da conservare a cura dei clienti, così suddivisa: 

Impianti di potenza utile nominale<100 kW: Interventi di tipo:

  • a) scheda prodotto o caratteristiche tecniche facente parte dell’informazioni rese dal fornitore ai sensi dei Regolamenti della Commissione n. 811/2013 e n.813/2013, riportante il valore dell’efficienza energetica stagionale del riscaldamento d’ambiente ηs;
  • b) schede prodotto o caratteristiche tecniche di cui alla superiore lettera a) riportante il valore dell’efficienza energetica stagionale del riscaldamento d’ambiente ηs e scheda prodotto del dispositivo di controllo della temperatura che deve appartenere alle classi V, VI oppure VIII della Comunicazione della Commissione 2014/C 207/02; per tutti gli interventi: - certificazione del produttore (o fornitore o importatore) delle caldaie e delle valvole termostatiche a bassa inerzia termica (o di altro tipo di regolazione) che attesti il rispetto dei requisiti tecnici di cui sopra;

Impianti con potenza nominale del focolare ≥100 kW: 

 asseverazione redatta da un tecnico abilitato (ingegnere, architetto, geometra o perito iscritto al proprio Albo professionale) attestante il rispetto dei requisiti tecnici di cui sopra.

Per tutti gli impianti: 

  •  originale della documentazione inviata all’ENEA, debitamente firmata; documenti di tipo amministrativo: 
  • fatture relative alle spese sostenute; 
  •  ricevuta del bonifico bancario o postale (modalità di pagamento obbligata nel caso di richiedente persona fisica), che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2007, numero della fattura e relativa data, oltre ai dati del richiedente la detrazione e del beneficiario del bonifico; - ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa.

E' possibile scaricare il vademecum dell'enea direttamente dall'immagine sotto. 

È possibile scaricare il vademecum dell'enea sulla detrazione delle caldaie e la guida al bonus mobili  direttamente dall'immagine qui sotto. 

GUIDA COMPLETA CON VADEMECUM ENEA PER DETRAZIONE FISCALE DEL 65% PER INSTALLAZIONE DI CALDAIE 2020
GUIDA COMPLETA AGENZIA DELLE ENTRATE BONUS MOBILI 2018

Come funziona nello specifico il bonus sistemi ibridi 2020?

 

Spetta anche l'agevolazione maggiore quella quindi del 65% per gli impianti di condizionamento ad alta efficienza energetica ovvero gli impianti dotati di apparecchi ibridi composti da caldaie a condensazione e pompa di calore , da sistemi di termoregolazione evoluti oppure ancora di generatori d’aria calda a condensazione.

A questi, nello specifico, viene riconosciuto una detrazione uguale al 65% della spesa e lo sconto sulla dichiarazione dei redditi vale sia per le persone fisiche che giuridiche. I costi sostenuti per l’installazione di questi sistemi possono infatti essere dedotti sia dall’Irpef che dall’Ires. Unico limite, in questo caso, rimane il tetto massimo di spesa. Le detrazioni riconosciute, infatti, vengono coperte fino ad una cifra massima di 30000 euro. La detrazione pari al 65% viene ammessa anche quando non siano stati posti in essere lavori di ristrutturazione.Nel caso in cui l'impianto ibrido sia composto da caldaia a condensazione, split ad aria e pompa di calore anche i condizionatori beneficierebbero della detrazione del risparmio energetico del 65% in 10 anni. E' possibile scaricare il vademecum dell'enea direttamente dall'immagine sotto. 

GUIDA COMPLETA ENEA DETRAZIONE FISCALE DEL 65% PER I SISTEMI IBRIDI 2020

 

 Alle agevolazioni sopra esplicate, in fine, va aggiunta l’IVA agevolata per l’acquisto di condizionatori e caldaie. Questi ultimi, nello specifico, vengono catalogati come “beni significativi” e, per questo motivo, l’aliquota IVA applicata al momento del loro acquisto è ridotta se chi vende il prodotto effettua anche l'installazione. È  cioè pari al 10% e non al 22%. Quello che bisogna ricordare, però, è che l’aliquota ridotta si applicherà solo alla somma destinata all’acquisto del condizionatore o della caldaia e non alla spesa totale dell’intervento. Alla differenza tra il valore complessivo del servizio e il costo del condizionatore, perciò, si applicherà l’aliquota ordinaria del 22%. 

 

COSA BISOGNA FARE PER USUFRUIRE DELLE DETRAZIONI FISCALI?

Cosa bisogna fare per usufruire nel Bonus condizionatori 2020?

La spesa sostenuta per l’installazione di un nuovo condizionatore o di una nuova caldaia a basso impatto ambientale può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi tramite la presentazione del modello 730 e Unico. Nei modelli basterà indicare le somme impiegate e le relative deduzioni. Presentando i modelli entro i termini stabiliti, annualmente, vi sarà così possibile recuperare quanto speso tramite uno sconto delle imposte. Ad attestare l’entità dell’acquisto e la natura dello stesso saranno le relative ricevute di pagamento e/o le fatture d‘acquisto emesse. Questi saranno i documenti fiscali che, in caso di accertamento, andranno a provare la titolarità del diritto e quindi la dovuta detrazione oltre al libretto di impianto e alla dichiarazione di conformità.

Le istituzioni, in questo modo, hanno voluto indirizzare gli acquirenti verso un acquisto più consapevole e meno dannoso per l’ambiente. Meno i condizionatori e le caldaie sono inquinanti, infatti, e maggiori sono le agevolazioni riconosciute ai contribuenti. L’obiettivo è quello di arrivare, nel medio e lungo termine, a sostituire completamente i vecchi impianti con quelli ad alta efficienza energetica. Questi ultimi, infatti, non solo tutelano maggiormente l’ecosistema, ma sono in grado di far recuperare totalmente la spesa iniziale sostenuta per la loro installazione. Le detrazioni, infatti, in un primo momento vi faranno recuperare subito una buona parte della somma investita mentre, col tempo, ciò che vi assicurerà il rientro totale della cifra impiegata sarà, di fatto, il risparmio in bolletta. 

Download
Guida completa agenzia delle entrate per risparmio energetico del 65% e ristrutturazione edilizia del 50% per caldaie e condizionatori 2020
Guida_Agevolazioni_Risparmio_energetico2
Documento Adobe Acrobat 3.3 MB
Download
Guida completa enea per detrazione fiscale caldaie anno 2020
detrazioni fiscali 2020 caldaie_condensa
Documento Adobe Acrobat 305.2 KB
Download
Guida completa enea per detrazione fiscale pompe di calore 2020
detrazioni fisacli 2020 pompe_calore.pdf
Documento Adobe Acrobat 279.1 KB
Download
Guida completa enea per detrazione fiscale sistemi ibridi 2020
detrazioni fiscali 2020 sistemi_ibridi.p
Documento Adobe Acrobat 287.0 KB
Download
Guida al bonus mobili 2020 detrazione fiscale caldaie
Guida_Bonus_Mobili_.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.7 MB
Download
Elenco interventi ammissibili bonus casa 2020 detrazione fiscale
elenco_interventi_bonus_casa.pdf
Documento Adobe Acrobat 101.7 KB
Download
Guida rapida bonus casa 2020 detrazione fiscale
guida_rapida_bonus-casa 2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 5.4 MB
Download
Guida ristrutturazioni edilizie 2020 detrazione fiscale
Guida_Ristrutturazioni_edilizie.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.3 MB
Download
Bonus facciate 2020 detrazione fiscale
Guida_Bonus_Facciate 2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 3.3 MB

Scrivi commento

Commenti: 22
  • #1

    corradocinti@virgilio.it (martedì, 17 luglio 2018 09:26)

    Il limite di 30.000 euro è relativo alla detrazione e non alla spesa come riportato nei vostri vademecum allegati.
    Potete confermarmi?

  • #2

    IDROCOSTRUZIONI (martedì, 17 luglio 2018 10:33)

    Buongiorno, il vademecum è stato scritto dall'Agenzia delle Entrate e quindi, di fonte attendibile.

  • #3

    ELENA LA CANFORA (mercoledì, 18 luglio 2018 10:06)

    VOLEVO SAPERE SE LIVA AL 10% SI CALCOLA SULLE SPESE DI INSTALLAZIONE DEI CONDIZIONATORI ANCHE QUANDO LA STESSA NON VIENE FATTA DAL RIVENDITORE

  • #4

    IDROCOSTRUZIONI (lunedì, 27 agosto 2018 11:05)

    Si ma solo sulle spesa della manodopera, mentre per l'acquisto del bene significativo è interamente al 22%

  • #5

    Ulisse Lai (mercoledì, 17 ottobre 2018 13:55)

    Vorrei sapere, per poter ottenere le detrazioni al 50%, se la caldaia o il climatizzatore posso acquistarli prima dell'apertura della pratica di ristrutturazione o solamente dopo?

  • #6

    Valter (domenica, 04 novembre 2018 07:58)

    Buongiorno sono obbligato ad inviare la domanda Enea per la sola sostituzione della caldaia per la quale ho diritto alla detrazione fiscale del 50%? Grazie per la risposta.

  • #7

    diego (lunedì, 05 novembre 2018 21:05)

    Salve premesso che nell'anno 2018 a maggio ho aperto una cila e una manutenzione ordinaria del mio appartamento,otre ai vari lavori di muratura finestre porte pavimenti imbiancatura ecc...ho anche sostituito la caldaia con una a condensazione a + e con sistemi di termoregolazione evoluti(65)come da fattura...poi ho anche messo un condizionatore inverter con pompa di calore il tutto in a+ ora pago tutto per riqualificazione energetica e avro indietro il 65 in dieci anni oppure metto solo la caldaia e non il climatizzatore?sembrerebbe che se metto la caldaia come bonus non posso mettere il climatizzatore come bonus nello stesso periodo...ma posso metterlo nella ristrutturazione generale(50)...la pratica enea cmq mi conviene farla x spesa di cappotto termico coibentazione?

  • #8

    ENRICO (domenica, 16 dicembre 2018 08:36)

    HO SOSTITUITO IL BRUCIATORE DELLA CALDAIA A CONDENSAZIONE E VORREI SAPERE SE LA SPESA E' DETRAIBILE. GRAZIE

  • #9

    Claudio De Giacomo (lunedì, 04 febbraio 2019 15:59)

    Buongiorno a endo acquistato una caldaia ad alta efficienza per riscaldamento e acqua sanitaria più condizionatori pompe dicalore in classe A+ posso richiedere le agevolazioni per l'acquisto di entrambi i sistemi installati?

  • #10

    Chiara girotti (domenica, 17 marzo 2019 17:43)

    Buongiorno,
    Io a maggio 2018 ho installato in casa un’impianto di condizionamento, per completare il modulo di detrazione che intervento devo selezionare ?
    Grazie buona giornata

  • #11

    daniele cinquini (lunedì, 25 marzo 2019 18:02)

    lo scaldabagno a pompa di calore lo sostituito a marzo 2018 e la ditta mi ha detto che è una legge 2019 come faccio a mandare la documentazione ora che 90 giorni sono passati?

  • #12

    francesco (venerdì, 19 aprile 2019 13:55)

    Salve .Nel mese di agosto ho montato un impianto di condizionamento possibile che non posso estrarlo dal 730?

  • #13

    francesco (venerdì, 19 aprile 2019 13:57)

    nel mese di agosto ho montato un impianto di condizionamento possibile che non posso portarlo in detrazione dal 730?

  • #14

    Roberto (lunedì, 29 aprile 2019 22:04)

    Volevo sapere , se per quanto la dichiarazione Enea , negli impianti trial split , le potenze nominali e le altre caratteristiche richieste degli split, vanno sommate e nei vari campi va messo il totale...grazie

  • #15

    luisa (mercoledì, 08 maggio 2019 18:19)

    se acquisto un condizionatore classe A che produca calore e aria fresca, ma non ho ristrutturazioni in corso, posso comunque detrarre il costo nel 730?

  • #16

    Valter- www.valtermen@tiscali.it (mercoledì, 15 maggio 2019 12:58)

    Se possibile, vorrei conoscere il numero del tipo di intervento da indicare sul 730-2010 nel Quadro E Sezione IV codice E61 per l'acquisto e la messa in opera di un nuovo impianto di climatizzazione inverter di classe A. In particolare sono incerto fra i n. 4 - 6 e 13 perché nessun riprende in modo specifico il recupero del solo nuovo impianto. Grazie

  • #17

    Valter- www.valtermen@tiscali.it (mercoledì, 15 maggio 2019 13:03)

    Se possibile, vorrei conoscere il numero del tipo di intervento da indicare sul 730-2019 nel Quadro E Sezione IV codice E61 per l'acquisto e la messa in opera di un nuovo impianto di climatizzazione inverter di classe A. In particolare sono incerto fra i n. 4 - 6 e 13 perché nessun riprende in modo specifico il recupero del solo nuovo impianto. Grazie

  • #18

    fabio (martedì, 09 luglio 2019 10:26)

    Buongiorno
    nel mio appartamento è in corso una manutenzione straordinaria.
    Dovrei sostituire il mio scaldabagno a gas non funzionante e vorrei acquistare un Rinnai infinity 17i.
    Posso detrarlo al 50% ?
    Grazie
    Buona giornata
    Fabio

  • #19

    Angelo angelocosmo@email.it (venerdì, 19 luglio 2019 10:42)

    Ho montato un condizionatore 2MXM40M ho diritto alla detrazione fiscale e in che modo grazie

  • #20

    Cinzia Muto (sabato, 13 giugno 2020 23:45)

    Vorrei sapere se si possono usufruire delle detrazioni per impianto di condizionamento.
    Quali sono i requisiti? Cosa bisogna fare? Grazie

  • #21

    Nico (lunedì, 29 giugno 2020 22:28)

    Salve, dovrei sostituire una vecchia caldaia con una a condensazione con classe energetica A+
    E L’ installatore accetta la formula cessione del bonus caldaie, cioè, L’ Azienda installatrice mi fa pagare il 35% della somma Totale della messa in opera , però nel preventivo scrive questo, cosa intende? Con queste righe? ?
    Prezzo con detrazione fiscale Eco bonus Al 65% 1.399€ IVA inclusa, in unica soluzione con bonifico parlante.
    Saranno a Vs carico la compilazione e comunicazione delle Pratiche, all’ Agenzia delle Entrate e
    All’ Enea.

    Cosa vuole specificare con codeste parole? Tocca fare tutto l’Azienda installatrice se io cedo il mio eco bonus caldaie all’ Azienda? Ho le domande le devo consegnare io all’ Agenzia delle entrate? E Enea?
    Vi ringrazio



  • #22

    Carla viglietti (giovedì, 09 luglio 2020 17:48)

    Ho messo un impianto di climatizzazione in pompa di calore che intervento devo cliccare? Sto impazzendo. Grazie carla